Home Compagnie Compagnie Du Ponant Mediterraneo Le Bougainville La Valletta domenica 8 settembre 2024

Compagnie Du Ponant Mediterraneo: 7 notti da La Valletta con Le Bougainville
8 set 2024

Malta, Italia
da 6.040,00 €
Prezzo per persona
Mediterraneo con Le Bougainville da 6.040,00 €
Prezzo per persona

Itinerario della crociera
imbarco: La Valletta ➞ Sbarco: Livorno

  • location_on
    domenica 8 settembre 2024 - 04:00
    La Valletta chevron_right
  • location_on
    lunedì 9 settembre 2024 n.d. - n.d.
    Siracusa chevron_right
  • location_on
    martedì 10 settembre 2024 n.d. - n.d.
    Taormina chevron_right
  • location_on
    mercoledì 11 settembre 2024 n.d. - n.d.
    Reggio Calabria chevron_right
  • location_on
    giovedì 12 settembre 2024 n.d. - n.d.
    Salerno chevron_right
  • location_on
    venerdì 13 settembre 2024 n.d. - n.d.
    Napoli chevron_right
  • location_on
    sabato 14 settembre 2024 n.d. - n.d.
    Civitavecchia chevron_right
  • location_on
    domenica 15 settembre 2024 06:00
    Livorno chevron_right
La Valletta

La Valletta

Una delle aree più concentrate di elementi ad interessi storici in tutto il mondo, così venne descritta La Valletta quando l'Unesco le assegnò il titolo di patrimonio mondiale dell'Umanità la città è quindi una garanzia per gli amanti dell'arte e certamente rinomata per le sue massicce fortificazioni e l'eccellenza architettonica.

Siracusa

Siracusa

Taormina

Taormina

Reggio Calabria

Reggio Calabria

Reggio Calabria si trova nel cuore del Mediterraneo, tra il mare, che mitiga le temperature, e le montagne. Confina ad ovest sul Mar Tirreno, a sud e ad est dal Mar Ionio e a nord con la provincia di Catanzaro. Il paese ha la più alta densità di popolazione nella regione.
Il territorio si caratterizza per la sua lunga costa e la sua vicina montagna. In effetti, sulla spiaggia, nei stabilimenti balneari situati sul lungomare di Falcomatà, è possibile raggiungere le montagne dell'Aspromonte.
L'area è contraddistinta dai fitti boschi di castagni, querce e abeti bianchi, faggi, a rotazione con le coltivazioni di olivi e viti, antichi torrenti coperte da ginestre, felci, corbezzoli, mirti, fichi d'India e oleandri. La costa, tra Villa S. Giovanni e Gioiosa Ionica, è l'habitat naturale più idoneo per la coltivazione del bergamotto.


Al di là dei lidi privati, lungo la costa, troverete il lido comunale di Zerbi, sede di molti spettacoli, rappresentazioni e mostre. Questo lido in particolare ospita anche la splendida torre Nervi, struttura architettonica circolare progettata dall'architetto Pier Luigi Nervi.
In Reggio Calabria troverete due celebri università: la " Mediterranea " (fondata nel 1968) e la " Dante Alighieri " (fondata nel 1984), così come uno dei più importanti musei archeologici nazionali, in Italia, dove sono esposti famosi Bronzi di Riace, diventati un simbolo della città, la Cattedrale, ricostruita dopo il terremoto del 1908, e i resti del castello del XVI secolo.
Infine, l'area di Gioia Tauro ha un grande assortimento di paesaggi suggestivi ed è popolare per la sua produzione tipica di clementine. La pianura comprende terreni molto fertili, grazie alla bonifica intrapresa dal marchese Vito Nunziante avvenuta nel 1818 e preservata nei decenni successivi.

Salerno

Salerno

Durante il medioevo la città è stata capitale dell'omonimo principato Longobardo e quindi del ducato normanno di Puglia e Calabria che comprendeva gran parte del Mezzogiorno continentale e fu il nucleo originario del futuro Regno di Napoli e delle Due Sicilie.

A Salerno ha avuto sede la Scuola Medica Salernitana, che fu la prima e più importante istituzione medica d'Europa all'inizio del Medioevo e come tale è considerata da molti un'antesignana delle moderne università. Ideale erede della celebre scuola medica è l'Università degli studi di Salerno, dislocata dal 1988, sotto forma di campus, nei limitrofi comuni di Fisciano e Baronissi.

Dal febbraio all'agosto del 1944 Salerno fu sede del governo italiano,[10] ospitando i governi Badoglio I, Badoglio II e Bonomi II che portarono alla Svolta di Salerno.

A partire dalla seconda metà degli anni novanta, la città ha iniziato una serie di politiche volte a migliorare la vivibilità, il decoro urbano e proiettare, soprattutto per quanto concerne il turismo, Salerno a livello nazionale e internazionale. La città si candida, quindi, a diventare uno dei poli del turismo crocieristico e dell'architettura contemporanea, ospitando opere dei maggiori architetti del XXI secolo, quali Fuksas, Zaha Hadid, Bohigas, Chipperfield, Calatrava e Bofill.

Napoli

Napoli

Rappresentare gli estremi è qualcosa che a Napoli riesce straordinariamente bene. Strade trasandate intersecate da viali di palme, facciate fatiscenti che nascondono barocche sale da ballo e santuari culturali che fiancheggiano Club all'avanguardia. Un minuto sei in polverosi suq di Tangeri, quello dopo nei viali di Parigi. Questo è il vero cuore pulsante del mezzogiorno, una città senza legge, petulante, misteriosa ma fieramente cattolica che ha il suo modo di fare le cose. C'è molto da vedere; Duomo, Palazzo Reale ed un paio di musei impressionanti nella Galleria Caodimonte ed il Museo archeologico.

Civitavecchia

Civitavecchia

Sviluppata lungo la costa, la città si trova in una zona compresa tra il fiume Mignon a nord e il fiume Marangone a sud.
Ricca di baie e calette con spiagge sabbiose e rocciose, Civitavecchia, città portuale della provincia di Roma, a 80 chilometri a nordovest della capitale, è un luogo d'arte e di storia, nel cuore d'Italia. Oggi la città è il punto di partenza per molte navi da crociera e di viaggi in tutto il Mediterraneo. Ottima meta turistica sia per godersi la dolce vita o per visitare gli splendidi monumenti storici. Raggiungendo l'imponente ed antica capitale, in quanto città indescrivibile e piena di monumenti, giardini, ville e opere d'arte, vi darà un facile accesso al Mar Tirreno, alle Terme della Ficoncella, chiudendo con gli scavi etruschi. La metropoli vi garantirà una grande esperienza originale oltre che suggestiva.

Livorno

Livorno

Al giorno d'oggi, con i suoi cantieri, palazzi, grattacieli, periferie del dopoguerra e vivace porto sempre trafficato, spingono molti visitatori a non considerarlo come un luogo per fermarsi: infatti, la maggior parte dei turisti che sbarcano qui va dritta a Firenze, Pisa o Siena, lasciandosi però alle spalle non poche bellezze e curiosità. Spingersi attraverso la massicce Fortezza Nuova, ora una distesa di verde nel centro della città, affacciata sul canale Fossa Reale, o nel quartiere grazioso canal-foderato conosciuto, come la Nuova Venezia e si può cominciare a capire perché la città era una delle mete più visitate nei grand tours del XVIII e del XIX secolo.